fbpx

GIOCO E RIGIOCO

La metodologia di cambiodicampo è qui

CALCIO | Attitudini nel Calcio: Allenare il Calciatore

Scegli tu dove ascoltarci

Condividi

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su linkedin
LinkedIn
Attitudine [dal lat. aptitudo: adatto»]: disposizione (fisica o mentale) innata o acquisita col tempo che facilita lo svolgimento di una particolare attività. Così detta, sembra invero che tanti allenatori non provino ad allenarle le attitudini del calcio, specialmente in età giovanile. E sembra altrettante impossibile che, ribaltando il discorso, a volte non si valutino le attitudini del calciatore per far si che faciliti ciò che dovrà fare in campo, a dipendenza del ruolo, delle funzioni di gioco e delle scelte che di troverà a dover prendere. Si deve allenare il gioco e i giocatori. Quasi sempre, invece, vediamo allenatori che allenano sè stessi o, ancor peggio, allenano l'allenamento. Oggi parliamo di attitudini, umane e sportive. Cercheremo di darti una visione di cosa pensiamo che l'allenatore debba allenare, vedere e comprendere in campo, a partire dai giocatori, non da sé stesso. Così facendo, sarà lo stesso allenatore ad accompagnare la crescita dei propri atleti adattandosi, appunto, alle loro caratteristiche attitudinali. Se vuoi saperne di più il titolo del libro citato al minuto 7 è: "l'arte di sbagliare", di Kathryn Shulz (libro consigliatissimo).

Attitudine [dal lat. «adatto»]: disposizione (fisica o mentale) innata o acquisita col tempo che facilita lo svolgimento di una particolare attività.

Così detta, sembra invero che tanti allenatori non provino ad allenarle le attitudini del calcio, specialmente in età giovanile. E sembra altrettante impossibile che, ribaltando il discorso, a volte non si valutino le attitudini del calciatore per far si che faciliti ciò che dovrà fare in campo, a dipendenza del ruolo, delle funzioni di gioco e delle scelte che di troverà a dover prendere.

Si deve allenare il gioco e i giocatori. Quasi sempre, invece, vediamo allenatori che allenano sè stessi o, ancor peggio, allenano l’allenamento.

Oggi parliamo di attitudini, umane e sportive. Cercheremo di darti una visione di cosa pensiamo che l’allenatore debba allenare, vedere e comprendere in campo, a partire dai giocatori, non da sé stesso. Così facendo, sarà lo stesso allenatore ad accompagnare la crescita dei propri atleti adattandosi, appunto, alle loro caratteristiche attitudinali.

Se vuoi saperne di più il titolo del libro citato al minuto 7 è: “l’arte di sbagliare”, di Kathryn Shulz (libro consigliatissimo)

Allenare le attitudini attraverso il gioco

Guarda le nostra Live Facebook sul tema delle attitudini dei giocatori e scarica la risorsa gratuita.

SUB HEADING

Checklist attitudini

Scarica Gratis

I nostri altri articoli

VUOI ALTRE RISORSE?

Sfoglia il nostro sito e accedi alla nostra repository dei libri

tutto un altro gioco

GIOCO E RIGIOCO

LA METODOLOGIA DI CAMBIODICAMPO

Riproduci video