Identità di club e strategie di sviluppo globale, con Danilo Sciò

ascoltalo sulla tua piattaforma preferita

Danilo Sciò, il nostro ospite di oggi, è head of international business development dell’Atletico Madrid e si occupa di tutte le dinamiche legate allo sviluppo di partnership e sponsorizzazioni a livello internazionale dal Sud America, fino all’Asia passando ovviamente per Europa e Nord America. Nella prima parte dell’episodio Danilo ci ha raccontato quelli che sono i suoi compiti e quanto sia strutturato ma allo stesso tempo complesso un ruolo del genere in un club così importante.

Alla fine di questa stagione ci saranno tre accordi importanti in essendo in scadenza andranno rinnovati: sponsor di maglia, sponsor di manica e naming rights dello stadio. Entriamo nel vivo della trattativa legata ai naming rights dello stadio, essendo questo un progetto che fa capo proprio a Danilo. Tra dati, analisi e opportunità emerge come ogni singola valutazione e attivazione è frutto di un lavoro meticoloso focalizzato a cogliere tutti gli elementi che possono essere utili nel portare avanti diverse trattative.

E poi di nuovo un tema a noi carissimo, uno stadio non può essere solo la sede delle partite di calcio ma deve essere una vera e propria piattaforma di entertainment. Il Wanda Metropolitano sicuramente lo è, come? Danilo ci racconta le iniziative e le tate modalità di utilizzo di questo magnifico impianto.

L’Atletico Madrid è probabilmente uno dei club più riconoscibili in termini di valori e idee sul campo. E allora abbiamo parlato di quanto sia importante mantenere coerenza in tutto i propri processi quando si è un club che proprio grazie a precisi valori e ad una coerenza costante nel tempo ha creato un’identità in tutto il mondo. Dal top management fino all’ultimo pedina dello scacchiere lavorare in sinergia non può che dar vita, nel tempo, a grandissimi risultati, sportivi e non.

E invece la Liga, cosa sta facendo a livello di internazionalizzazione? Tra key markets e delegati capiamo come questa lega sta cercando di rubare quote di mercato alla premier league così da aumentare il valore dei diritti televisivi che verranno venduti e porre le basi per un futuro sempre più prospero per i suoi club in termini di sponsorizzazioni, membership, merchandising, nuove academy e tanto altro.

partecipa alla discussione

i nostri social

condividi questo contenuto per migliorare lo sport

Facebook
LinkedIn
WhatsApp
Telegram

TUTTI I NOSTRI CONTENUTI PER TE

podcast
1629880
The power of free play: winning without a coach, with Ian Hughes [ORIGINAL VERSION]
articoli
Formatori page - Rodolfo Cavaliere
Interpreta attraverso le sensazioni, dalla Q&A con Rodolfo Cavaliere
podcast
kyle-pham-njuYs5kFJ3s-unsplash
A scuola di postura sportiva, con Riccardo Barigelli di Focus Postura
podcast
danny-nee-j3p9rcCRDA0-unsplash
Emozionarsi per apprendere: il divertimento per allenare i giocatori
podcast
0809130309_632266_CADREGARI_6295354
Il gioco è il maestro, palla al mister Adriano Cadregari
podcast
Christmas pattern made of colorful christmas baubles on red background. Flat lay, top view. New year concept.
EXTRA – Buon Natale (con un episodio davvero poco serio)
podcast
arnel-hasanovic-vsQN5fBD66g-unsplash 2
Mental coaching, lo stato d’animo: colpevole o facilitatore di risultati? Con Dimo Mental Coach
podcast
118309578_3229884320413129_7574535840353311302_o
Nuove opportunità ed iniziative legate al territorio, con Gabriele Airoldi – marketing manager UC Albinoleffe
podcast
olympic-flame-2022-01-10-04-35-08-utc
Olimpiadi invernali e Super Bowl, con Andrea Cicini e Andrea Vidotti
podcast
alliance-football-club-g8cK31aYH3E-unsplash
Allenare la decisione o la scelta? Il calciatore decidente
podcast
Mauro Giussani
Il ruolo del metodologo, con Mauro Giussani del Team Ticino

Nullam quis risus eget urna mollis ornare vel eu leo. Aenean lacinia bibendum nulla sed